Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/andrea00/public_html/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524
Google+

SEO

SEO e WordPress: qualche consiglio in più

Qualche tempo fa ho pubblicato una serie di consigli di base per una buona ottimizzazione di WordPress. Ho deciso quindi di approfondire l’argomento parlando di un paio di plugin molto utili per chi usa WordPress, che vanno in qualche modo ad agire sul PHP. Stratta di My SQL Profiler Plugin e WP Super Cache.

SEO e velocità

SEO e velocità

La bellezza di WordPress è la possibilità di essere customizzato da chiunque lo utilizzi anche dai meno esperti. Questa personalizzazione, a volte estrema, può però portare a delle problematiche tecniche e ad un appesantimento del sistema, che oggi è un problema. Infatti come molti sanno, la velocità è diventata un fattore determinante per il posizionamento. La velocità ha un impatto sia sugli utenti che sui motori di ricerca, poichè tanto più veloce è il nostro blog tante più pagine saranno spiderate. Ecco perchè Big G l’ha inserita nei fattori SEO.

My SQL Profiler Plugin è un plugin pensato per aiutarci ad analizzare, con strumenti specifici, la frequenza e la durata delle queries, che vanno appunto ad influire sulla velocità del nostro blog. Con questo strumento, ideale per sviluppatori di temi e plugin, possiamo verificare costantemente ed in tempo reale i dati relativi al numero e alla durata delle queries, che vengono resi disponibili in fondo alla pagina del consigliato plugin. In pratica tutto ciò è molto utile per capire se il nostro tema WordPress, o qualche nostro plugin, rallentano il sito.

Controllando i dati inviatici da questo plugin, che filtra per noi i problemi, avremo la possibilità di modificare il codice non ottimizzato e quindi diminuire il numero delle queries che rallentano il nostro blog.

Un altro plugin utile per migliorare le prestazioni del nostro blog è WP Super Cache, realizzato per ottimizzare la cache. Indispensabile per tutti quelli che condividono l’hosting, utile per tutti gli altri, questo plugin ci permette di non processare più codice PHP quando le nostre pagine vengono visitate. Difatti con questo strumento vengono generate semplici e leggere pagine statiche in HTML che vengono analizzate dal server e dai browser molto più velocemente rispetto al PHP.

Sì, perchè quando si parla di PHP, dobbiamo pensare che è un linguaggio interpretato, alla base del nostro sito WordPress, che richiede tante energie dal sistema, o meglio tanta CPU. In soldoni tante queries succhiano tanta energia e quindi rallentano il sistema. Ecco perchè è necessario installare questi due plugin e dare gas al nostro blog!

Google+ e l’attribuzione dell’autore


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/andrea00/public_html/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

Di cambiamenti ce se ne sono stati parecchi e tra questi Google ha introdotto la cosiddetta “Autorship markup”, ossia l’attribuzione dell’autore che permette all’autore di migliorare la visualizzazione dei propri articoli nei risultati di ricerca. leggi »

Il cliente SEO perfetto potrebbe esistere


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/andrea00/public_html/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

Oggi ho deciso di aprire il mio cassetto dei sogni e condividerne uno con voi: trovare il cliente perfetto! Sì il cliente perfetto è uno dei miei sogni nel cassetto, visto che quotidianamente mi scontro con una realtà ben diversa. E credo che ogni SEO che si rispetti lo condivida un pò con me questo sogno.

SEO

SEO

Infatti i clienti di noi SEO specialist sono i più vari e disparati: si va da quello che non sa neanche cosa sia un motore di ricerca a quello che si è letto tutti i manuali SEO presenti sul web ed in libreria ed è un fanatico di Matt Cutts. Insomma chi più ne ha più ne metta.

Credo però che tra questi due opposti appena citati e realmente esistenti, ci possa essere una via di mezzo che si chiama cliente perfetto. E questo essere superiore deve avere alcune caratteristiche particolari:

  • non parla troppo spesso di materiale SEO, nè dell’erba più verde del suo vicino concorrente
  • non pretende risultati impossibili in tempi irrealizzabili, come ad esempio essere primo su Google appena fatto il bonifico per l’acconto
  • non pretende di imporre la sua lista di parole chiave tra cui c’è anche la parola “nonna papera”
  • non cerca il suo sito ogni giorno su Google e soprattutto non lo clicca appena trovato, incasinandomi le statistiche

Ovviamente l’ho messa un pò sul ridere, ma sono cose su cui a volte avrei voluto piangere. Sì perchè spesso i miei clienti non percepiscono il valore del mio lavoro considerato etereo e non intellegibile. Detto questo voglio dare qualche consiglio ai miei futuri clienti per ottimizzare il nostro rapporto e renderlo duraturo. Quindi:

  • informatevi su cosa sia il SEO, ma non eccedete con l’informazione perchè spesso il nostro lavoro viene banalizzato
  • fate della pazienza un vostro alleato. Il lavoro di posizionamento può non avere risultati prima dei 3/6 mesi a seconda del campo in cui si compete
  • tracciamo insieme la strategia e una prima lista di keyword, ma fidati della mia esperienza e dei miei consigli
  • non stressatevi con le statistiche e soprattutto non stressatemi con queste
  • chiedetemi report regolarmente e facciamo il punto della situazione insieme quando ci sono dei dubbi o dei cambiamenti da fare
  • pagatemi regolarmente e andremo d’amore e d’accordo 🙂

Direi che al momento queste sono le mie richieste di base e non mi sembra di chiedere troppo. In fondo potrei essere molto più esigente non credete?

Google Freshness Update:il nuovo algortimo di Google


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/andrea00/public_html/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

Da qualche giorno il gigante di Mountain View ha rilasciato un nuovo aggiornamento dell’algoritmo e molti di noi hanno tremato, perchè non sai mai cosa aspettarti veramente.

Google Freshness Update

Google Freshness Update

All’inizio fu Caffeine nell’estate 2010, che ha mutato la velocità di scansione aumentandola vertiginosamente, poi è arrivato Google Panda, che guarda alla qualità dei contenuti, a scombussalare le SERP di mezzo mondo, anzi di tutto il mondo. Ed ora è arrivato Google Freshness Update.

Si tratta di un aggiornamento che andrà ad impattare sulla freschezza dei contenuti e che porterà tra i posti più alti delle ricerche i contenuti più freschi, perchè come dice il blog ufficiale chi cerca la parola Olimpiadi, starà cercando informazioni sulle prossime olimpiadi e non su quelle del 1900.

Ed è stato lo stesso Amit Singhal ad informarci che questo nuovo algoritmo avrà un impatto su circa il 35% delle ricerche. Niente male direi e capelli bianchi a gogò. Per fortuna però al momento lo scombussolamento andrà ad agire su 3 campi ben precisi:

  • Avvenimenti recenti o temi caldi del web, detti anche hot topics, perchè si ricercano le utlime notizie su queste tipologie di eventi e temi
  • Eventi ricorrenti come le olimpiadi, le elezioni presidenziali e tutti quegli eventi sportivi e non, che hanno una cadenza regolare
  • Aggiornamenti frequenti di tutte quelle informazioni che cambiano spesso, come ad esempio le recensioni su prodotti ed oggetti

In pratica questo nuovo algoritmo, che qualcuno ha ribattezzato Caffeine 2.0, è stato pensato per differenziare ulteriormente le ricerche ed arrivare sempre più alla perfezione del risultato e come ha scritto Amit Singhal per tranquilizzarci “Ricerche differenti hanno necessità di freschezza differenti. Questo aggiornamento di algoritmo è stato pensato per capire meglio come diversificare questi tipi di ricerche e il livello di freschezza di cui gli utenti hanno bisogno, al fine che si possa ottenere la miglior risposta nel minor tempo possibile.

Insomma un altro mattoncino di Big G verso la ricerca perfetta, che ci porterà al perfetto SEO?

SEO e WordPress: consigli utili


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/andrea00/public_html/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

SEO e WordPress
Certamente molto si è scritto sull’ottimizzazione di WordPress e tante sono le guide in giro per il web.
Nonostante ciò ho deciso di scrivere i miei personali consigli per utilizzare al meglio il SEO con la piattaforma più diffusa per blog e che ovviamente uso anche io.

Direi di iniziare con quali plugins installare sul nostro blog per migliorare l’ottimizzazione. Io consiglio:
All-in-one-SEO-Pack: certamente tra i più conosciuti ed utilizzati che ci fornisce tutti gli strumenti necessari per l’ottimizzazione di pagine e post, oltre a generare in automatico Meta-tags;
HeadSpace2: quello che preferisco perchè è uno strumento flessibile e di facile utilizzo per lavorare sul SEO e sui meta-dati di praticamente ogni parte del nostro blog come post, pagine, categorie, etc.
Google XML Sitemap Generator: questo plugin ci permette di generare sitemaps, sempre aggiornate e ovviamente personalizzate, in formato xml da dare in pasto a Google e agli altri motori di ricerca. Una raccomandazione: una volta creata la vostra sitemap ricordatevi di segnalarla sul vostro Google Webmaster!
Simple Tags: è un plugin studiato per migliorare ed ottimizzare i tags dei nostri articoli davvero utile.

Oltre a questi plugins ci sono altre azioni da fare sul nostro blog al fine di migliorarne l’ottimizzazione e fare un buon lavoro SEO. Ad esempio la modifica dei permalinks diventa quasi un must. Infatti l’utilizzo di keyword nelle URL le rende “friendly” per i motori di ricerca.

Un’altra cosa da fare è l’ottimizzazione delle immagini presenti nel blog. La si può fare con dei plugin come SEO firendly Image, che vi facilita la vita, oppure compilando tutti i campi che accompagnano un’immagine. Molto importanti sono ALT e TITLE da inserire sempre per le vostre immagini. Vi posso assicurare che il vostro sforzo sarà ripagato, infatti grazie all’ottimizzazione delle mie foto in un giorno ho ottenuto ben 1000 visitatori, qualcuno dei quali è rimasto fedele!
Last but not least ottimizzare al meglio TITLE e DESCRIPTION di post e categorie. Entrambi sono ancora dei fattori importanti per una buona ottimizzazione.

Ovviamente questi sono solo i consigli di base per fare un buon uso del SEO con Worpress e non vogliono assolutamente essere una guida completa. Spero però che siano utili a chi li legge :).


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/andrea00/public_html/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524